giovedì 4 luglio 2013

Gelato al cioccolato, stavolta ti ho mangiato


Un'immagine vale più di mille parole. Cono al cioccolato senza glutine, che goduria!
La gelateria si chiama CremAmore ed è all'interno del centro commerciale Globo di Busnago. Ha in bella mostra dei coni senza glutine, ma non ha la certificazione AIC. Prima di compiere "il grande passo" mi sono informato mentre mia moglie distraeva i bambini. 

"Ho visto i coni senza glutine, quindi se io sono celiaco posso prendere il gelato da voi?"
"Sì,  ma me lo devi dire prima così uso una paletta apposta e prendo il gelato in un punto in cui sono sicuro di non essere a rischio contaminazioni"
Risposta esatta. Ok, ci provo. L'intestino è importante, ma io devo pensare al bene del bambino nel suo complesso, meglio un rischio calcolato o togliere il cono gelato a un bambino di 8 anni?

Lorenzo sceglie un bel cono tutto cioccolato, proprio il gusto posizionato esattamente sotto le temibili cialde gluitinose. Il galataio, osservato in maniera per nulla discreta da me e mia moglie, prende la paletta, si infila sotto il vetro del bancone, scende in profondità e ne esce con una pallina di gelato presa nel centro della vaschetta, in un punto irraggiungibile da qualsiasi traccia di glutine a meno di scavare un tunnel sotterraneo con la dinamite.
Allora non è così difficile? _Una paletta in più, un certo grado di preparazione sull'argomento e un minimo di manualità e il gelato senza glutine è servito.
Il gelato conquistato in compenso gli è sembrato la cosa più buona che ha mangiato in vita sua.