mercoledì 3 aprile 2013

Solo lotto ITN



Le patatine, mediamente, sono senza glutine. Ma mediamente, non vuol dire tutte. Come per tutto il resto, gli yogurt, i dadi, il prosciutto e mille altre cose bisogna districarsi tra singole marche e singoli prodotti. Perché alcuni prosciutti cotti sì e altri no? Boh, rinuncio a capirlo. C'è il solito conservante, ma forse non è il conservante, fatto sta che quelli senza glutine sono tanti e va bene così.

Il rapporto tra le patatine e il glutine è abbastanza complesso e variegato. I celebri Fonzies si definiscono "Cornetti di mais al formaggio". Ottimo, posso prenderli! No, giro la confezione "potrebbe contenere tracce di glutine". Potrebbe o le contengono?E poi, "tracce"?! O c'è o non c'è, "potrebbe" mi sembra una formula un po' fuorviante.
In questo panorama confuso le celebri e onnipresenti patatine San Carlo rappresentano un'eccezione curiosa. Si possono mangiare, basta avere l'accortezza di verificare che appartengano al lotto ITN. Cos'è il lotto ITN? Non ne ho idea. So solo che in due mesi mi sono letto il retro delle confezioni di 2000 prodotti. E ogni volta c'è sempre da imparare.
Perché negli yogurt c'è il glutine? Cosa fanno, ce lo mettono di notte? E nella salsiccia? Possibile che la carne abbia il glutine? Comincio a pensare che sugli alimenti bisognerebbe mettere le scritte come sulle sigarette: "Attenzione, il fatto che sia una salsiccia non garantisce che ci sia della carne".