giovedì 13 giugno 2013

Grom, il gelato artigianale senza glutine



Allora esiste!
Dei gelati confezionati senza glutine abbiamo già parlato in un altro post, ma non è necessario essere genitori per capire che il fascino del cono è insostituibile. E la cialda, ovviamente, ha il glutine. Tra l'altro anche volendo prendere una coppetta, la situazione non è così semplice.
Servirebbe una paletta apposta, la garanzia che non sono cadute briciole nel gusto che si sceglie, l'accortezza da parte del gelataio di non avere le mani "inquinate", insomma una serie di condizioni che rendono più semplice per la gelateria rinunciare al cliente piuttosto che prevedere delle procedure ad hoc. Niente di scandaloso, però un'altra piccola sofferenza cui è sottoposto un bambino celiaco.
Stamattina, per caso, sono venuto a conoscenza di una catena di gelaterie di altissima qualità, impegnata in una rigorosa selezione delle materie prime e sensibile al gluten free: si chiama Grom, probabilmente è anche famosa, ma ahimè non la conoscevo.
Il sito fa venire voglia di un gelato prima ancora di aprirsi, è ricco di informazioni e molto chiaro. Metto il link alla pagina in cui sono indicate le sedi dei negozi, ma consiglio di leggere anche quella realtiva alla celiachia. Nelle gelaterie Grom non esiste la spiga barrata, se un prodotto contiene glutine è indicato con una spiga di grano. Mi sembra un significativo rovesciamento della realtà.